Home Mobility

Oggi proviamo qualcosa di Mobility.
Mi rivolgo a chi conosce la Mobility e l’ha provata con il suo cane.

Il motivo è che chi conosce questa disciplina sa che l’obiettivo del superamento di qualsiasi ostacolo non è la performance in sè, il tempo impiegato o la velocità con cui si conclude la prova.

Chi poi l’ha seguita con me, sa quanto insisto nel lasciare al cane il suo tempo, di non forzarlo e questo secondo me è un principio basilare!!!

Lo scopo di questa disciplina è diventare più flessibili, trovare nuove soluzione per affrontare qualcosa di poco conosciuto, comunicare meglio. Intendo per entrambe le parti, cane e persona.
La calma e la pazienza sono le regole di base.

Può provarci anche chi non sa cosa sia, ma lo invito prima a leggere o guardare qualche video che spiega cosa è.
A questa pagina spieghiamo di cosa si tratta https://www.thedogstail.it/dogmobility/.

La Mobility propone determinati ostacoli (al campo si vedono insieme al tecnico mobility), ma come disciplina è aperta e questo ci piace. Parliamo di Hurban Mobility quando usiamo ostacoli “urbani” (panchine, muretti ecc). In questo caso la definirei “Home Mobility”, vista la natura degli ostacoli.

Livello di difficoltà: dipende da noi, dal nostro cane, dall’attrezzo che stiamo utilizzando.
Cosa alleniamo?

  • la nostra capacità comunicative verso il cane
  • coordinazione del binomio
  • pazienza (di entrambe)
  • prossemica
  • flessibilità fisica e cognitiva (di entrambe)

Prerequisiti: nulla in particolare, è un’attività che possono fare tutti i cani in generale, di qualsiasi razza, di qualsiasi età, ovviamente considerando eventuali problematiche presenti (come per esempio ipovedenza, sordità, dolori articolari ecc).

Set:
Il set è costituito da uno o più “ostacoli” che devono essere sicuri sia per il cane che per noi.
Gli ostacoli sono oggetti, superfici o altro che ci viene in mente che abbiamo a casa.
Nel nostro caso, i nostri ostacoli sono stati un lettino da sole e una piccola griglia presente in cortile.

I bocconcini…qualcuno se serve e se strettamente necessario mentre si affronta l’ostacolo.
Alla fine come premio se volete. Premio è gratificazione! non è solo cibo!

NB:

  • Assolutamente vietato forzare il cane a interagire con l’attrezzo. Quindi vietato spingere, tirare, sollevare.
  • No a sgridate. Se urli, sgridi, te la prendi hai sbagliato tutto…Non è lo spirito con cui si affronta la mobility. Lascia perdere, fai altre attività intanto che comprendi di cosa si tratta.
  • Deve essere un divertimento per entrambe
  • PS. Il video non è di certo un corso sulla mobility. Certe cose si imparano sul campo e non bastano i libri. Questo anche per la mobility. Per questo i video sono rivolti in particolare a chi l’ha già fatta.

Grazie a Unam per la collaborazione e la pazienza:)

Buon divertimento!

Libri consigliati:
Giocare con il cane. Divertimenti e passatempi per cani e padroni
100 idee per giocare con il tuo cane di Aldo la Spina

Video: Mobility, Unam con lettino da sole

 


Video: Mobility, Unam e griglia

 


Vuoi qualche informazione sulle nostre attività? Vai alla pagina Contattaci

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato e ricevere risorse preziose per te ed il tuo cane! Iscriviti subito qui: Iscrizione alla newsletter


Home Mobility ultima modifica: 2020-04-10T12:52:30+00:00 da Federica Santicoli
Hai trovato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!

About Federica Santicoli

Istruttore in Riabilitazione Cognitivo Comportamentale,  Istruttore in Conduzione di gruppi di pratica e Classi di Socializzazione®, Educatore Cinofilo, Tecnico MobilityDog, Tecnico Prime Orme Accompagnata dal mio inseparabile amico Unam ho scoperto un mondo che mi era tanto vicino quanto lontano.  Tra le mie attività preferite c’è il Treibball, il Clicker Training e la Riabilitazione Comportamentale :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *